First Step…TRI ?

dragonfly_800_drawing cartina-muta-italia

La prima parte del progetto è quella su cui stiamo concentrando tutta l’energia è dedicata alla costruzione o, meglio, alla modifica di un trimarano Dragonfly 800 Swing Wing che mi permetta di gestirlo in completa autonomia. Il viaggio sarà molto lungo, quindi devo riuscire ad attrezzarlo in modo che sia in grado di raggiungere qualunque punto della barca, da poppa a prua, fino alla testa d’albero. Detta così, la movimentazione sembra piena di ostacoli e di difficile fattibilità, soprattutto in navigazione. In effetti ci sono voluti mesi di studio per trovare le soluzioni più adatte ai miei problemi. Ma, a pensarci bene, è difficile per chiunque salire in testa d’albero e, inoltre, il modo per arrivarci è praticamente lo stesso per tutti.

Ovviamente la barca sarà “spartana”, in quanto deve ospitare me (e forse il mio piccolo dog) quindi sarà dotata del minimo indispensabile perché, come dice il proverbio: “ciò che non c’è, non si rompe” (ed in mare è meglio non avere problemi).
Il progetto prevede di compiere il periplo del nostro “stivale” in diverse tappe, con partenza dalla Liguria e soste presso le Marine Militari e nei porti dove sono presenti circoli ed associazioni con le quali ho stretto amicizia negli anni ma non solo. Chiederò ospitalità alle Marine Militari sia per orgoglio nazionale, sia per omaggiare il mio “papà Ligi” della Scuola Vela di Sabaudia, mentre la sosta presso quei circoli ed associazioni, che da molti anni si impegnano per rendere accessibile il mare ai disabili, darà modo a tutti i ragazzi di salire a bordo dell’imbarcazione e partecipare ad un’uscita insieme per far comprendere quanto sia impegnativo, ma non impossibile, il mio lungo viaggio.
Durante il viaggio è prevista una raccolta di informazioni sullo stato dell’accessibilità portuale e l’imbarcazione sarà dotata di molteplici telecamere atte alla ripresa h24 della mia navigazione.
L’accessibilità portuale la potrai verificare tramite dei miei video che andrò a caricare nella mappa in questa pagina dedicata: MAPS, mentre le documentazioni del viaggio saranno disponibili sulla piattaforma Patreon

L’arrivo è previsto presso l’Arsenale di Venezia dove, con gli onori della Marina Militare, sarà ad attendermi anche l’amico Andrea Stella, con il quale, da anni, collaboro per permettere di praticare lo sport della vela a chiunque lo desideri, anche se costretti in condizioni fisiche difficili.

SPOT TRI 2018