Progetti

La prima imbarcazione che andremo ad utilizzare sarà un trimarano e con discreta probabilità sarà un Dragonfly 800.
Chiaramente sulle linee d’acqua, design e scafi non potremo apportare modifiche sostanziali, ma ciò su cui stiamo concentrando la maggiore attenzione è sul pozzetto, dove si trascorre buona parte della giornata (e notte) per gestire l’intera imbarcazione.

dragonfly_800_drawing    f20120310154137-dragonfly800sw720070723_174009_3d_1

Gli interni saranno spartani, semplici e sopratutto pratici. Non è una barca da crociera, dovrà correre veloce rimanendo stabile e con i pesi ben distribuiti. Scendere sotto coperta sarà la vera sfida perché pensiamo ad un sistema innovativo, rapido ed in sicurezza anche durante la navigazione. Work in progress…


Qui invece, alcuni disegni realizzati dallo Studio Ferrari Yacht Design dell’arch. Paolo Ferrari che saranno la base del progetto TRI, basi importanti che siamo certi di sviluppare con soluzioni inedite e tecnologie molto interessanti per la nautica di alto livello. Sarà un’imbarcazione che per anni potrà dire la sua, un’imbarcazione sulla quale godranno al timone moltissime persone che, come me, hanno dovuto superare una fase della vita molto difficile, potendo ora dire, oggi c’è il sole!

sc

des

schermata-2016-11-23-alle-22-26-49

schUn’imbarcazione sicuramente importante, ma dobbiamo fare attenzione ad esempio a molteplici accorgimenti dalla vivibilità, il quotidiano, i beccheggi all’ordinaria manutenzione pensando alla lunga navigazione come la traversata atlantica. Sicuramente sarà un’imbarcazione con delle dimensioni superiori ai 12mt.

 

schermata-2016-11-23-alle-22-30-53

La barca prevista per il mio progetto TRI, sarà un’imbarcazione in versione sportiva, pratica e con poche comodità. Sarà previsto lo stretto necessario, dal bagno, angolo cottura al letto, ma ciò che farà la differenza e che diventerà dopo la transoceanica, saranno le soluzioni per renderla sia da crociera che da regata, perché é una delle possibilità che vorremmo regalare ai tanti soci delle associazioni che operano nel sociale e che da anni lavora assieme a me per riuscire a portare in barca moltissime persone con disabilità.

Work in Progress…